News di mercato sul prezzo del petrolio: archivio

I prezzi del petrolio sono scesi per l'eccesso d'offerta

12.06.2013
L'attuale eccesso delle offerte dei prodotti petroliferi incide sui prezzi. Le scorte di
petrolio negli Stati Uniti sono nuovamente salite la settimana scorsa. Questo ha pubblicato
l'American Petroleum Institute. I dati ufficiali del governo vengono annunciati oggi
pomeriggio. Le scorte di petrolio sono aumentate di circa nove milioni di barili, che 
corrisponde alla cifra da record. La ragione per la richiesta debole, è la moderata situazione
congiunturale.
 
 
Nei primi scambi, un barile (159 litri) di Brent del Mare del Nord per consegna nel mese di
luglio costava 102,38 dollari. Sono 58 centesimi in meno rispetto martedì. Un barile
di USA West Texas Intermediate (WTI) costa con 94,49 dollari circa 89 centesimi in meno.

Un controllo regolare della cisterna è sempre importante. Ordini per tempo questo importante servizio. Per forniture urgenti (sono possibili dei supplementi) si metta in contatto con noi al numero 0844 000 000.

Per ottenere un’offerta per olio combustibile oppure per diesel, clicchi il seguente link:

Olio combustibile - Offerta / Ordinazione

Diesel - Offerta / Ordinazione

1 USD = CHF 0.925
Situazione: 12.06.2013, prossimo aggiornamento: 13.06.2013

Le notizie di mercato si riferiscono allo sviluppo dei prezzi del petrolio. Il petrolio degli Stati Uniti è considerato un prodotto di riferimento a livello mondiale; L’andamento di questo prodotto domina di norma anche i prezzi dell’olio combustibile, del diesel e della benzina. L’andamento effettivo del prezzo in Svizzera tuttavia, può variare a causa di numerosi fattori concomitanti come i costi del trasporto, il trasporto via Reno non sempre disponibile e la quotazione del dollaro.

Copyright © 2017 Migrol SA