News di mercato sul prezzo del petrolio: archivio

I prezzi del petrolio scendono ancora

17.11.2014
Lunedì, i prezzi del petrolio sono scesi ulteriormente. Alla fine della settimana
c`è stato un breve contro movimento. Tuttora, sul mercato è atteso una risposta
da parte dell'Organizzazione dei Paesi Esportatori (OPEC). In casi precedenti con
i continui prezzi in discesa, l 'Arabbia Saudita, il più grande produttore OPEC,
aveva diminuito la produzione, al fine di raggiungere la stabilizzazione dei prezzi.
In questo periodo i sauditi hanno una strategia diversa - I primi di novembre hanno diminuiti
i prezzi per le esportazioni negli Stati Uniti.
 
Un barile di petrolio (159 litri) Brent del Mare del Nord per la consegna nel mese di
gennaio costava questa mattina 79,01 dollari. Erano 40 centesimi in meno rispetto il venerdì.
Il prezzo di un barile di West Texas Intermediate riferimento americano (WTI) è sceso di
27 centesimi a 75,55 dollari.
 
I dodici paesi membri dell'OPEC si riuniranno a Vienna il 27 novembre. Secondo gli esperti,
non ci si può aspettare tagli di produzione, nonostante il calo dei prezzi di circa il 30
per cento negli ultimi quattro mesi.
 
Sembra una guerra dei prezzi, per mettere i produttori di olio di scisto americano sotto
pressione.
Finora, l'OPEC nega queste accuse. Gli Stati Uniti, tramite il nuovo metodo fracking negli
ultimi anni, hanno prodotto nettamente più petrolio.
Per questa contrastata produzione di petrolio, la produzione di petrolio negli Stati Uniti
secondo l'agenzia dell'energia (EIA), è tornata dal 1970 a oltre 9 milioni di barili al giorno.
Gli analisti interpretano la  la moderazione da parte  dell'OPEC, come un attacco contro
l'industria di raffinazione degli Stati Uniti.
Dal momento che la produzione di petrolio è più cara tramite fracking, il prezzo basso
del petrolio per i produttori di olio di scisto può essere difficile.
Dove è il limite di prezzo è discusso.
Esistono già segnalazioni, che prime aziende di petrolio negli Stati Uniti hanno smesso il loro
investimento. EIA afferma però, che il costo di olio di scisto era
nettamente più basso negli ultimi anni. Anche se il prezzo di WTI resta così basso,
continuerà la produzione ad alto livello.  
 
Inoltre, alcuni membri dell'OPEC risentono i prezzi bassi del petrolio. Pertanto, alla fine
della riunione a novembre, si prevedrà che i membri saranno combattuti per un’ulteriore
procedimento. 
 
Dal punto di vista economico, i prezzi bassi del petrolio potrebbero dare uno stimolo
dopo un certo tempo.  Le aziende industriali risparmiano i costi di produzione e i consumatori
beneficiano di una riduzione dei prezzi della benzina e olio combustibile, quale aumenta il
potere d'acquisto!
 
 
 
 
 
 
 

Consigliamo un regolare controllo della cisterna specialmente in questa stagione. Ordini per tempo questo importante servizio. Per forniture urgenti (sono possibili dei supplementi) si metta in contatto con noi al numero 0844 000 000.

Per visualizzare il prezzo attuale dell'olio combustibile tramite un'offerta online, la invitiamo a cliccare il seguente link:

Olio combustibile-Offerta / Ordine

1 USD = CHF 0.9594
Situazione: 17.11.2014, prossimo aggiornamento: 18.11.2014

Le notizie di mercato si riferiscono allo sviluppo dei prezzi del petrolio. Il petrolio degli Stati Uniti è considerato un prodotto di riferimento a livello mondiale; lo sviluppo del prezzo di questo prodotto di solito determina anche i prezzi dell’olio combustibile e dei carburanti. L’andamento effettivo del prezzo in Svizzera tuttavia, può variare a causa di numerosi fattori concomitanti come i costi del trasporto, il trasporto via Reno non sempre disponibile e la quotazione del dollaro.

Copyright © 2016 Migrol SA