News di mercato sul prezzo del petrolio: archivio

Prezzi del petrolio poco cambiati - Russia e Venezuela uniscono le forze

19.11.2014
Mercoledì i prezzi del petrolio sono leggermente cambiati.
Un barile di petrolio (159 litri) Brent del Mare del Nord per la consegna
nel mese di gennaio costava questa mattina 78,67 dollari. Erano 20 centesimi
in più rispetto al giorno precedente. Il prezzo di un barile di USA West Texas
intermediate (WTI) con consegna a dicembre è sceso di 33 centesimi a 74,28 dollari.
 
Questa settimana, la continua discesa negli ultimi mesi è rallentata un po’.
Per la prima volta è in vista una stabilizzazione. Tuttavia, non ci sono ancora
indizi da parte dell'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC),
come affrontare il calo dei prezzi del 30 % dal mese di giugno.
 
I prezzi del petrolio deboli stanno dando alcune preoccupazioni. Venezuela finanzia
i debiti all'estero e programmi sociali con i ricavi delle vendite di petrolio.
Il Governo intende quindi essere attivo. Anche la Russia vuole procedere contro
i prezzi del petrolio in discesa. A causa della crisi in Ucraina e la situazione
delle sanzioni economiche da ovest, i russi dipendono fortemente da fondi dal
mondo del petrolio.
 
I due produttori di olio intendono di procedere insieme contro la discesa dei prezzi
e hanno preso la decisione di elaborare proposte per la stabilizzazione del prezzo.
Questo ha riferito il Ministro dell'energia russo Alexander Nowak, dopo il suo incontro
martedì con Rafael Ramirez, il ministro per degli affari esteri del Venezuela.
I dettagli devono essere discussi la settimana successiva. Quali misure specificamente
immaginano, Nowak non le voleva ancora annunciare.
 
Venezuela è uno dei membri del petrolio organizzazione dei paesi (OPEC) di esportazione.
Altri grandi paesi produttori dell'OPEC non vedono intanto il bisogno di fare qualcosa.
Arabia Saudita, il più grande produttore dell'OPEC, non è disposta a tagli di produzione.
Per quanto riguarda alla richiesta congiunturale debole, la quota del mercato vuole essere
assicurata. 
 
E ‘ prodotto sempre più petrolio, quale non trova abbastanza acquirenti. Questa situazione
è peggiorata negli ultimi mesi con l'aumento della produzione di olio di scisto dei produttori
statunitensi. L'American Petroleum Institute (API), ha pubblicato i dati sulle scorte di petrolio
negli Stati Uniti. Le riserve di petrolio sono quindi aumentate rispetto alla settimana scorsa,
a 3,7 milioni di barili. I dati ufficiali del governo degli Stati Uniti sono attesi oggi pomeriggio.
 
 
 
 

Consigliamo un regolare controllo della cisterna specialmente in questa stagione. Ordini per tempo questo importante servizio. Per forniture urgenti (sono possibili dei supplementi) si metta in contatto con noi al numero 0844 000 000.

Per visualizzare il prezzo attuale dell'olio combustibile tramite un'offerta online, la invitiamo a cliccare il seguente link:

Olio combustibile-Offerta / Ordine

1 USD = CHF 0.9585
Situazione: 19.11.2014, prossimo aggiornamento: 20.11.2014

Le notizie di mercato si riferiscono allo sviluppo dei prezzi del petrolio. Il petrolio degli Stati Uniti è considerato un prodotto di riferimento a livello mondiale; lo sviluppo del prezzo di questo prodotto di solito determina anche i prezzi dell’olio combustibile e dei carburanti. L’andamento effettivo del prezzo in Svizzera tuttavia, può variare a causa di numerosi fattori concomitanti come i costi del trasporto, il trasporto via Reno non sempre disponibile e la quotazione del dollaro.

Copyright © 2016 Migrol SA