News di mercato sul prezzo del petrolio: archivio

Prezzi leggermente in salita

04.12.2014
Giovedì mattina i prezzi del petrolio sono stabili. Un barile di petrolio
(159 litri) di North Sea Brent costava questa mattino 70,27 dollari.
Erano 35 centesimi in più rispetto al giorno precedente. Il prezzo di un barile
di riferimento American West Texas Intermediate (WTI) è aumentato di 48 centesimi
a 67,86 dollari.
 
Dall'estate i prezzi del petrolio hanno perso il 40 per cento.
Nel frattempo, un barile di Brent del Mare del Nord costava meno di 70 dollari.
Questo è dovuto alla grande quantità di petrolio sul mercato mondiale.
Gran parte della crescita era dovuta alla produzione di olio di scisto
negli Stati Uniti. L'Arabia Saudita, il più grande produttore di petrolio dell'Organizzazione
dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), partano dal presupposto, che i prezzi del petrolio
diminuiranno di dieci dollari al barile a circa 60 dollari. A questo livello, i prezzi del
petrolio si sarebbero poi stabilizzati come ha citato "Wall Street Journal".
Arabia Saudita e altri produttori del Golfo Persico potrebbero ancora vivere con questo
prezzo.
Tuttavia, se i prezzi del petrolio scendono sotto i 60 dollari, la situazione può cambiare
rapidamente.
 
Alla riunione dell'OPEC della scorsa settimana è stato deciso, che le quantità trasportate
giornaliere rimangono allo stesso livello. Gli stati arabi, in particolare l'Arabia
Saudita, ha preso la maggiore decisione. I membri dell'OPEC Venezuela e l'Iran, hanno
cercato di imporre un taglio di produzione per ridurre l'offerta e, quindi, di aumentare il
prezzo. I due paesi sono già sotto pressione a causa dei prezzi bassi del petrolio.
 
Dietro a questa decisione, gli analisti si aspettano una guerra dei prezzi e la difesa
delle quote di mercato da parte dei produttori statunitensi. Se il prezzo del petrolio
diventa più conveniente, la quantità trasportata di olio scisto non è redditizia.
Perlomeno i piccoli produttori potrebbero essere coinvolti.
 
I dati d’inventario pubblicati ieri dal governo degli Stati Uniti hanno mostrato
il primo calo da qualche tempo. Le riserve di petrolio sono diminuite di 3,7 milioni
di barili. Il motivo sono soprattutto le importazioni principalmente inferiori.
 
 
 
 

Un controllo regolare della cisterna è sempre importante. Ordini per tempo questo importante servizio. Per forniture urgenti (sono possibili dei supplementi) si metta in contatto con noi al numero 0844 000 000.

Per ottenere un’offerta per olio combustibile oppure per diesel, clicchi il seguente link:

Olio combustibile - Offerta / Ordinazione

Diesel - Offerta / Ordinazione

1 USD = CHF 0.9773
Situazione: 04.12.2014, prossimo aggiornamento: 05.12.2014

Le notizie di mercato si riferiscono allo sviluppo dei prezzi del petrolio. Il petrolio degli Stati Uniti è considerato un prodotto di riferimento a livello mondiale; L’andamento di questo prodotto domina di norma anche i prezzi dell’olio combustibile, del diesel e della benzina. L’andamento effettivo del prezzo in Svizzera tuttavia, può variare a causa di numerosi fattori concomitanti come i costi del trasporto, il trasporto via Reno non sempre disponibile e la quotazione del dollaro.

Copyright © 2017 Migrol SA