News di mercato sul prezzo del petrolio: archivio

Continua la discesa dei prezzi del petrolio nel nuovo anno

05.01.2015
La situazione nel nuovo anno sul mercato del petrolio
sembra ancora la stessa: l'elevato approvvigionamento di
petrolio spinge i prezzi verso il basso. Così i prezzi
del petrolio hanno continuato a scendere nel primo giorno
di negoziazione della settimana. E’ stato registrato il livello
più basso da più di cinque anni. L'offerta eccessiva sul mercato
mondiale rispetto alla domanda, ha fatto si che i prezzi del petrolio
sono costantemente in discesa a partire dalla metà del 2014.
 
Secondo il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, gli Stati Uniti
hanno fornito entro il 26 dicembre 2014 giornalmente 9,2 milioni di barili
di petrolio. Nel campo principale in Oklahoma, le scorte di petrolio sono
aumentate del 6,9 per cento a 30,8 milioni di barili. Questo è stato il
livello più alto dal mese di febbraio 2014. La produzione di petrolio
dell' Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) ha raggiunto
secondo Bloomberg nel mese di dicembre 30,24 milioni di barili al giorno.
Erano 122 '000 barili in meno rispetto al mese precedente.
Tale riduzione è dovuto alla minore produzione in Libia.
 
Le ultime notizie dall'Iraq hanno indebolito i prezzi del petrolio.
Il membro dell'OPEC, progetta secondo gli esperti di aumentare la
produzione di petrolio. Nel mese di dicembre le esportazioni di petrolio
del paese sono aumentate secondo il Ministero del Petrolio di 2,94 milioni
di barili al giorno. Non era così tanto come da oltre 30 anni.
 
Un barile di petrolio (159 litri) di North Sea Brent per la consegna
a febbraio costava lunedì mattina 55,60 dollari. Erano 82 centesimi meno
rispetto il venerdì. Il prezzo di un barile di riferimento American West
Texas Intermediate (WTI) è sceso di 99 centesimi a 51,70 dollari.
I livelli più bassi dalla primavera del 2009 sono stati raggiunti in precedenza
con 54,40 dollari con il prezzo del Brent e 55.36 dollari per un barile
di WTI.
 
Inoltre, sono stati riportati i dati economici deboli provenienti dalla Cina.
La Repubblica popolare è il secondo più grande consumatore di petrolio al mondo.
Anche in Europa si indebolisce l'economia. Negli Stati Uniti, invece, l'economia è
cresciuta nel terzo trimestre del 2014 del 5 per cento. Ci si aspettava una
minore crescita del 4,3 per cento. I dati dati economici positivi dagli
Stati Uniti rafforzano il lato del consumatore, anche se i dati economici
a causa del sostegno del dollaro, hanno inciso sui prezzi del petrolio.
 

Un controllo regolare della cisterna è sempre importante. Ordini per tempo questo importante servizio. Per forniture urgenti (sono possibili dei supplementi) si metta in contatto con noi al numero 0844 000 000.

Per ottenere un’offerta per olio combustibile oppure per diesel, clicchi il seguente link:

Olio combustibile - Offerta / Ordinazione

Diesel - Offerta / Ordinazione

1 USD = CHF 1.0058
Situazione: 05.01.2015, prossimo aggiornamento: 06.01.2015

Le notizie di mercato si riferiscono allo sviluppo dei prezzi del petrolio. Il petrolio degli Stati Uniti è considerato un prodotto di riferimento a livello mondiale; L’andamento di questo prodotto domina di norma anche i prezzi dell’olio combustibile, del diesel e della benzina. L’andamento effettivo del prezzo in Svizzera tuttavia, può variare a causa di numerosi fattori concomitanti come i costi del trasporto, il trasporto via Reno non sempre disponibile e la quotazione del dollaro.

Copyright © 2017 Migrol SA