News di mercato sul prezzo del petrolio: archivio

Prezzi del petrolio continuano a scendere - Per ora non è prevista una ripresa

07.01.2015
Mercoledì scorso, i prezzi del petrolio sono scesi ancora.
Il giorno prima i prezzi del petrolio si erano stabilizzati.
La tendenza al ribasso continua. Un barile di petrolio (159 litri)
di North Sea Brent per la consegna nel mese di febbraio costava
questa mattina 50,61 dollari. Erano 49 centesimi in meno rispetto
al giorno precedente. Il prezzo di un barile di riferimento American
West Texas Intermediate (WTI) è sceso di 58 centesimi a 47,35 dollari.
 
Oggi saranno rilasciati i dati ufficiali sulle scorte di petrolio
negli Stati Uniti. Gli esperti prevedono un nuovo aumento delle
riserve di petrolio. E’ previsto anche in futuro una debole richiesta.
Come è stato annunciato dal mercato, quest’ aspettativa aveva innescato
la recente riduzione di prezzo. Secondo Citigroup, quest'anno ci si aspetta
una quantità inferiore delle importazioni di petrolio in Cina.
 
Dalla metà dello scorso anno, l'eccessivo approvvigionamento sul mercato mondiale
ha influito sui prezzi del petrolio. Esperti della Banca commerciale parlano di
un " inizio nero per l'inizio dell'anno commerciale".  Nella prima metà dell'anno
2015, l'eccesso di offerta sul mercato secondo gli esperti sarà di 1,5 milioni
di barili al giorno.
 
In Germania, il calo dei prezzi del petrolio, opera come pacchetto congiunturale.
Martin Wansleben, l'Amministratore Delegato della Camera tedesca dell'Industria
e del Commercio (DIHK) stima che le imprese e i consumatori saranno alleggeriti
quest'anno di circa 20 milioni di euro, se il prezzo del petrolio continua a
muoversi a questo livello. I beneficiari dei prezzi bassi del petrolio sono
i produttori, compagnie aeree, spedizionieri come il consumatore finale.
A causa dei costi energetici più bassi, le aziende possono fare maggiori investimenti.
Tuttavia, se la spirale al ribasso s’intensifica, i prezzi del petrolio
potrebbero essere compromessi. Secondo alcuni osservatori non sono esclusi ulteriori
crolli di prezzi. Questo potrebbe anche innescare una deflazione.
 
Anche se l'attuale livello dei prezzi del petrolio si dovrebbe stabilizzare,
finora la tendenza al ribasso è continuata. In Arabia Saudita, il più grande
produttore di petrolio dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio
(OPEC),  è dell'opinione che si è in grado di gestire la visualizzazione
con un prezzo ancora più basso del petrolio.
Una riduzione del quantitativo trasportato potrebbe aumentare il prezzo del
petrolio, tuttora non è un'opzione. Questa settimana, il paese ha ridotto
i prezzi per le esportazioni di petrolio verso l'Europa.
 
 
 
 

Un controllo regolare della cisterna è sempre importante. Ordini per tempo questo importante servizio. Per forniture urgenti (sono possibili dei supplementi) si metta in contatto con noi al numero 0844 000 000.

Per ottenere un’offerta per olio combustibile oppure per diesel, clicchi il seguente link:

Olio combustibile - Offerta / Ordinazione

Diesel - Offerta / Ordinazione

1 USD = CHF 1.0116
Situazione: 07.01.2015, prossimo aggiornamento: 08.01.2015

Le notizie di mercato si riferiscono allo sviluppo dei prezzi del petrolio. Il petrolio degli Stati Uniti è considerato un prodotto di riferimento a livello mondiale; L’andamento di questo prodotto domina di norma anche i prezzi dell’olio combustibile, del diesel e della benzina. L’andamento effettivo del prezzo in Svizzera tuttavia, può variare a causa di numerosi fattori concomitanti come i costi del trasporto, il trasporto via Reno non sempre disponibile e la quotazione del dollaro.

Copyright © 2017 Migrol SA