Energia rinnovabile, L'efficienza energetica, Energia solare

Il sole La nostra fonte di energia più importante

Il sole è la nostra fonte di energia più importante. Senza il sole sulla terra non ci sarebbe la vita.

I numeri sono quasi incredibili: in tre ore il sole irradia sulla terra tanta energia, quanta ne consuma in un anno l’intera popolazione mondiale. Fornisce circa 3000 volte più energia di quanta ne consumiamo.

Ma cosa succede a questa energia? Circa un terzo viene immediatamente riflesso nello spazio, mentre il resto mantiene calda la nostra atmosfera o raggiunge la superficie terrestre, riscaldandola. Ma succede anche qualcos’altro: una parte dell’energia solare viene assorbita da piante, plancton e microrganismi – si tratta dell'energia di cui hanno bisogno per la fotosintesi.

L’energia solare viene accumulata con un processo chimico

Durante la fotosintesi le piante, il plancton e i microorganismi producono glucosio con la CO2 dall’aria e dall’acqua. Utilizzano quindi un processo chimico per accumulare energia solare. Questa energia può essere rilasciata in qualsiasi momento bruciando lo zucchero. Una cosa simile la facciamo anche noi nei nostri organi per ottenere energia.

L’energia solare è quindi la nostra forma di energia più importante ed è alla base di ogni forma di vita. A proposito, anche i combustibili fossili come la benzina e il diesel non sono altro che energia solare accumulata. Infatti il petrolio greggio deriva da particelle di organismi vegetali e di plancton che, a loro volta, potevano vivere e crescere solo utilizzando la fotosintesi per produrre zucchero e prosperare.

Il fotovoltaico ha un grande potenziale

Anche se i combustibili fossili sono di origine naturale, bruciarli rappresenta un problema perché la loro combustione rilascia grandi quantità di CO2 che non sono state presenti nell’atmosfera per milioni di anni. Il rischio che ne consegue è che il clima si scaldi fino ad arrivare a quello che regnava sulla terra milioni di anni fa.

Le energie rinnovabili puntano quindi spesso sull’energia solare, che non rilascia CO2. Ci sono buone probabilità che con essa un giorno saremo in grado di coprire completamente il nostro fabbisogno di energia: secondo l’Ufficio federale dell'energia ogni anno sugli edifici svizzeri si potrebbero produrre 67 miliardi di chilowattora di elettricità, che corrispondono al 110 percento del consumo di energia svizzero.

Power-to-gas

Il potenziale del fotovoltaico è enorme: ma come si può accumulare l’energia elettrica in eccesso dei mesi estivi per i mesi invernali? Oltre a poterla immagazzinare in batterie, è possibile utilizzarla anche per produrre gas – che, se necessario, può essere usato per produrre nuovamente energia: la tecnologia power-to-gas utilizza l’elettricità in eccesso per ottenere idrogeno e ossigeno attraverso l’elettrolisi dell'acqua. L’idrogeno, poi, può essere utilizzato per i veicoli a celle a combustibile oppure per i riscaldamenti a celle a combustibile.

 

© Foto di Natali_Mis da shutterstock.com

In caso di domande o di interesse per le energie rinnovabili, non esiti a contattarci:

Luca Broch e il suo team

Servizio clienti e soluzioni energetiche
Migrol SA
Badenerstrasse 569
8048 Zurigo
energie@migrol.ch

Commenti

Non ci sono ancora commenti.

I post più popolari Anche questi temi potrebbero interessarle