Soluzione di calore, Sostituzione del riscaldamento, Impianti di riscaldamento

Impiantidi riscaldamento letecnologie disponibili sono numerose

Elettricità, fonti energetiche fossili e legno: i moderni impianti di riscaldamento funzionano con diverse fonti di energia. Le offriamo una panoramica.

La gamma di impianti di riscaldamento oggi disponibile è davvero vasta. Ma gli stessi sistemi di riscaldamento non sono adatti a tutti gli edifici: in nuove costruzioni e in costruzioni vecchie ben isolate, infatti, si può utilizzare praticamente ogni impianto di riscaldamento, mentre per case male isolate e con grande fabbisogno di energia termica per il riscaldamento si possono considerare solo impianti con elevata temperatura di mandata.

Gli impianti di riscaldamento più utilizzati in Svizzera sono i seguenti:

Pompe di calore
Le pompe di calore funzionano con un principio inverso rispetto a quello del frigorifero: sottraggono calore da una fonte per trasferirlo in un altro ambiente (abitazione). Da un kilowattora di elettricità una pompa di calore ottiene da tre a cinque kilowattora di energia termica. Le pompe di calore aria-acqua sottraggono calore all’aria esterna al di fuori dell’abitazione. Le pompe di calore ad acqua glicolata sono più care, ma anche più efficienti: sottraggono il calore per il riscaldamento dal suolo.

Riscaldamento a legan
A seconda del tipo di impianto, i riscaldamenti a legna bruciano pellet, truciolato oppure legna in pezzi. La legna è considerata un combustibile particolarmente ecologico: la CO2 rilasciata dalla combustione della legna fa parte di un ciclo naturale e viene riassorbita dalla crescita futura delle piante. Di conseguenza i riscaldamenti a legna sono praticamente a impatto climatico zero. Tuttavia emettono più ossidi di azoto e polveri fini del riscaldamento a olio combustibile o a gas.

Riscaldamenti a combustibili fossili
Vengono sempre più screditati a causa del dibattito sul clima. Infatti la combustione di olio combustibile o di gas produce CO2 precedentemente non presente nel ciclo naturale, aumentandone così la concentrazione nell’atmosfera. Per questo il MoPEC 2014 richiede determinate misure in caso di installazione di un nuovo riscaldamento a energia fossile. Per raggiungere il miglior grado di rendimento, è importante che i riscaldamenti a olio combustibile e a gas siano dimensionati esattamente in base al fabbisogno di energia termica di un edificio.

Calore solare
La forza del sole può essere sfruttata per la produzione di acqua calda: un collettore solare sul tetto cattura il calore del sole e lo trasferisce a un boiler dell'acqua. Il calore così accumulato è sufficiente per coprire fino al 50 per cento del fabbisogno di acqua calda. I collettori solari migliorano sensibilmente il bilancio ecologico di un edificio con riscaldamento fossile – e consentono una sostituzione del riscaldamento conforme al MoPEC se viene scelto nuovamente un riscaldamento a gas o a olio combustibile.

Un suggerimento:

La sostituzione del riscaldamento dipende dal fabbisogno di energia termica di un edificio, ovvero da componenti quali involucro edilizio, tetto e finestre. Quanto meglio sono isolati, tanto maggiore è la libertà di scelta al momento della sostituzione del riscaldamento. Conviene quindi pianificare la sostituzione del riscaldamento in modo tempestivo e concordare altre misure di risanamento. Inoltre, in caso di edifici poco isolati (classe di efficienza energetica D o inferiore), dal 2020 molti Cantoni richiedono che in caso di sostituzione del riscaldamento almeno il 10 per cento dell’energia necessaria provenga da fonti rinnovabili – come previsto dal MoPEC 2014.

 

© Foto di dolgachov auf 123rf

Se ha domande o è interessato a un impianto di riscaldamento, non esiti a contattarci:

Luca Broch e il suo team

Servizio clienti e soluzioni energetiche
Migrol SA
Badenerstrasse 569
8048 Zurigo
energie@migrol.ch

I post più popolari Anche questi temi potrebbero interessarle