Mobilità elettrica, Consulenza energetica

Camion elettrici Un trasporto merci sostenibile?

Il numero di camion elettrici immatricolati in Svizzera è in aumento e ormai case automobilistiche come Volvo, Renault e Opel li producono in serie. Ma i camion elettrici sono già adatti per l’uso quotidiano? E come funziona la ricarica di questi grandi veicoli commerciali? Vi diciamo tutto quello che c’è da sapere.

I camion a trazione elettrica, chiamati anche e-truck, sono sempre più al centro dell’attenzione. In Svizzera il numero delle nuove immatricolazioni di camion elettrici è quasi raddoppiato, passando da 128 nel 2021 a 234 nel 2022. (Fonte in tedesco: Swiss e-Mobility) Nei prossimi anni questa tendenza continuerà e sarà supportata da nuove leggi e nuove misure di sostegno. Come per le auto elettriche, tuttavia, ci sono alcune preoccupazioni relative all’autonomia, che nel caso dei camion elettrici varia a seconda del peso del carico e delle dimensioni della batteria.

È importante distinguere fra trasporto merci locale, regionale e a lunga distanza. Uno studio dell’Istituto Fraunhofer per la ricerca sui sistemi e per l’innovazione del 2021 ha dimostrato che i camion a batteria hanno sufficienti autonomie per percorrere tratte brevi e la metà dei viaggi regionali. Già allora i camion elettrici erano adatti, ad esempio, per il trasporto nei centri urbani di generi alimentari, posta o materiali da costruzione.

Nel frattempo sono stati fatti molti passi avanti, tanto che oggi questi e-truck hanno un’autonomia di anche oltre 300 chilometri. La Svizzera ha un territorio che si estende per circa 220 chilometri da nord a sud e per circa 350 chilometri da est a ovest (Fonte: DFAE): con i modelli di camion elettrici attualmente disponibili, quindi, è possibile fare anche viaggi di un giorno attraverso la Svizzera.

L’innovazione dalla Svizzera

Negli ultimi anni l’azienda svizzera Designwerk ha ricoperto un ruolo di pioniere e di innovatore nel settore della mobilità elettrica. L’azienda ha già attirato l’attenzione su di sé nel 2021, quando uno dei suoi camion elettrici percorse 1099 chilometri senza ricarica intermedia e ottenne così un primato registrato dal "Guinness World Record". (Fonte in tedesco: Automobilwoche)

Alla fine del 2022, l’azienda svizzera ha fatto un ulteriore passo avanti e ha presentato per la prima volta un pacco batterie con capacità di 1’000 kWh, che teoricamente può essere utilizzato su diversi modelli di camion. (Fonte in tedesco: Chip E-Fahrer) Se il pacco batterie viene utilizzato su un camion da 42 tonnellate, a seconda della ricarica è possibile raggiungere un’autonomia tra i 580 e i 640 chilometri, che corrispondono al tragitto da Berna a Colonia. Ma anche altre case automobilistiche e altri produttori di batterie lavorano costantemente per aumentare la capacità delle batterie, e quindi l’autonomia. Questi successi dimostrano che l’uso dei camion elettrici nel trasporto a lungo raggio non è più un’utopia.

La ricarica dei camion elettrici

Il pacco batterie di un camion elettrico è molto più grande rispetto a quello di un’automobile elettrica e di conseguenza, a parità di potenza di ricarica, richiede più tempo – ma questo discorso diventa relativo quando si usano potenze di ricarica elevate. Tuttavia, il processo di ricarica è lo stesso. Generalmente la ricarica avviene con un connettore di tipo 2 (corrente alternata) o con un connettore CCS (corrente continua). Il tempo di ricarica varia a seconda delle dimensioni della batteria e della potenza di ricarica. Volvo, ad esempio, dichiara che la durata di ricarica dei suoi camion elettrici richiede tra le 2 e le 9 ore, rispettivamente con ricarica a corrente continua e a corrente alternata. (Fonte in tedesco: Volvo Trucks)

In Svizzera c’è una rete di ricarica particolarmente estesa. Tuttavia, le stazioni di ricarica pubbliche non sono un’opzione valida per i camion elettrici, perché solitamente si tratta di postazioni di ricarica progettate per le dimensioni delle automobili e con prezzi troppo elevati per la ricarica di un e-truck. Per ovviare a questi problemi, la Migrol raccomanda di installare delle stazioni di ricarica all’interno della propria area aziendale e di usarle come fonte primaria di energia per i camion elettrici. Con delle strutture di ricarica proprie è possibile evitare pause extra per la ricarica e ottimizzare il tempo di viaggio effettivo. Inoltre è possibile sfruttare i tempi di attesa nei punti intermedi lungo il percorso o una volta giunti a destinazione per ricaricare il veicolo.

La ricarica sull’area aziendale è l’opzione più interessante

La Migrol offre diverse opzioni per l’implementazione di un’infrastruttura di ricarica per camion elettrici e accompagna i clienti lungo ogni fase del percorso. L’offerta comprende:

• Consulenza
• Consegna della stazione di ricarica, pianificazione del progetto e realizzazione
• Gestione del carico inclusa integrazione del fotovoltaico
• Monitoraggio e fatturazione

La Migrol fornisce una consulenza completa che spazia da ubicazione migliore, requisiti di rete e gestione del carico a , integrazione del fotovoltaico, infrastruttura di ricarica e molto altro. Le posizioni in cui conviene installare le stazioni di ricarica sono:

- Area aziendale: poiché di notte e nei fine settimana, solitamente, i camion elettrici sono fermi, non serve una ricarica veloce e bastano potenze di ricarica basse o medie tra i 50 e i 150 kW. La Migrol offre anche un’adeguata gestione del carico, che protegge il collegamento alla rete durante la ricarica contemporanea di vari veicoli.

- Zone di trasbordo: durante i tempi di attesa su una zona di trasbordo o durante le operazioni di carico e scarico del camion elettrico, è possibile effettuare la ricarica in parallelo senza problemi. Poiché in questi casi la sosta è molto più breve, serve una potenza di ricarica tra 150 e 380 kW.

- Ricarica pubblica davanti alle zone di trasbordo: delle stazioni di ricarica davanti alle zone di trasbordo possono essere utili per colmare i tempi di attesa fino al carico o allo scarico. A tale scopo la Migrol offre delle stazioni con potenza di ricarica fino a 350 kW.


Gli esperti concordano sul fatto che i veicoli commerciali elettrificati giocano un ruolo decisivo nella decarbonizzazione del trasporto merci. Nel trasporto regionale e locale possono essere già utilizzati senza problemi. Stazioni di ricarica proprie all’interno dell’area aziendale garantiscono una ricarica sicura e affidabile dei camion, oltre ad essere l’opzione più conveniente.

Vuole implementare un’infrastruttura di ricarica e nella sua azienda o ha domande sull’offerta della Migrol? Si metta in contatto con noi – saremo lieti di aiutarla.

Maggiori informazioni sono disponibili qui.

2 Commenti

Fabio
01.07.2023 06:55
Buongiorno, non sarebbe opportuno utilizzare l'idrogeno per i trasporti su lunghe distanze?
Migrol AG Migrol AG
05.07.2023 11:06
Ciao Fabio
Grazie per il tuo commento. Migrol fa parte dell'associazione di sostegno H2.
Seguiamo e supportiamo attivamente la questione.

Migrol AG

I post più popolari Anche questi temi potrebbero interessarle